Sarda

sarda1

La razza caprina Sarda è autoctona, con probabile introduzione di sangue di diverse razze, soprattutto Maltese. Il riconoscimento della razza Sarda (libro istituito nel 1981) non seguito da una sostanziale spinta selettiva sugli aspetti morfologici, giustifica la sostanziale difformità della razza che tutt’oggi presenta alcune variabili morfologiche spiccate.

DiffusioneSAR_mappa_italia
Nuoro e Cagliati sono le province dove l’allevamento è maggiormente diffuso.

Il suo Libro Genealogico (L.G.) nazionale è stato approvato con un nuovo Decreto Ministeriale nel 1998.

Consistenze
Nel 2012 risultano iscritti al L.G. nazionale 14079 capi.
Il valore della popolazione effetiva (Ne) è attualmente stimato in 4389 capi.
Attitudini e produzioni
La razza è a duplice attitudine. La produzione di latte è di 200/300 kg per capo per lattazione che dura 220/240 giorni nelle pluripare. La carne è ottenuta da capretti dai 7 ai 10 kg di peso.
Caratteri tipici della razza
Di taglia media il mantello può essere di colore variabile, solitamente bianco o grigio.

Per il Disciplinare del Libro Genealogico della razza clicca sul link qui sotto:
http://www.assonapa.it/norme_ecc/caprini_llgg/sarda.htm

(Fonti: Assonapa e Atlante delle Razze Autoctone – Bigi & Zanon)

sarda2