Girgentana

Girg Vassallo

La razza Girgentana è da tutti ammirata per l’indubbia particolarità della forma delle corna. Si ipotizza che la razza riponga le sue lontane origini nella capra Falconeri o Markor, dalle corna erette, vivente nell’Asia Occidentale. Le origini della sua introduzione in Italia si farebbero risalire al 700 a.C. da parte di coloni greci o secondo un’altra ipotesi nell’800 d.C. con l’importazione da parte degli arabi. Il nome della razza è derivato da Agrigento (in siciliano “Girgenti”), uno dei luoghi dove è maggiormente diffusa.

DiffusioneGIR_mappa_italia
Essa è stata allevata e selezionata in Sicilia, in particolare modo in quella centro-occidentale, nelle province di Agrigento, Enna, Catania e Palermo.

Il suo Libro Genealogico (L.G.) nazionale è stato attivato nel 1973.

Consistenze
Nel 2012 risultano iscritti al L.G. nazionale 1700 capi.
Il valore della popolazione effettiva (Ne) è attualmente stimato in 490 capi.

Attitudini e produzioni
La razza è a prevalente attitudine lattifera, per la carne ci si concentra sui capretti da latte (7-10 kg di media). In una lattazione di 150/180 giorni si producono invece 400-450 kg di latte.

Caratteri tipici della razza
Di taglia media i soggetti presentano un mantello bianco con la fronte ed i mascellari di colore fulvo tendenti al roano e raramente al grigio, spesso caratterizzato da una numerosa picchiettatura (soggetti piperini).
Come sopra menzionato la razza è caratterizzata da corna (in ambo i sessi) elegantemente attorcigliate, erette e turrite, quasi verticali, mai eccessivamente divergenti, pressoché unite alla base; queste caratteristiche sono particolarmente sviluppate nei maschi.

Per il Disciplinare del Libro Genealogico della razza clicca sul link qui sotto:
http://www.assonapa.it/norme_ecc/caprini_llgg/girgentana.htm

(Fonti: Assonapa e Atlante delle Razze Autoctone – Bigi & Zanon)

Girg Fazio

Girgentana